Il Comune di Frosinone, in qualità di Capofila del Distretto Sociale B, con Determinazione Dirigenziale n. 2676 del 24.10.2018 ha approvato la “Consultazione degli organismi del Terzo Settore per l’affidamento del servizio di mediazione interculturale” presso gli sportelli “One stop shop” di alcuni Comuni, di cui al Progetto FAMI 2014/2020 – IPOCAD Azione 2 Promozione dell’accesso ai servizi per l’integrazione”.

SCADENZA TERMINI E MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

Per partecipare alla presente procedura ciascun concorrente dovrà far pervenire, pena l’esclusione, entro e non oltre le ore 12:00 del 5 novembre 2018, tramite il servizio postale, corriere autorizzato, a mezzo pec all’indirizzo pec@pec.comune.frosinone.it o mediante consegna a mani all’Ufficio protocollo del Comune di Frosinone, Piazza VI Dicembre, 03100 Frosinone un plico perfettamente sigillato e controfirmato sui lembi di chiusura sul quale dovrà essere scritto, oltre all’indicazione del mittente, del relativo recapito telefonico, e-mail e PEC la dicitura: CONSULTAZIONE ORGANISMI del TERZO SETTORE PER AFFIDAMENTO del SERVIZIO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE A VALERE SULL’AVVISO FAMI 2014-2020 – IPOCAD AZIONE 2”.

Resta inteso che l’invio ed il recapito del plico rimane a totale ed esclusivo rischio del mittente.

Il plico dovrà contenere la Domanda di partecipazione/Dichiarazione sostitutiva – redatta secondo il modello allegato al presente Avviso pubblico con tutti gli allegati previsti – relativa alle certificazioni e atto di notorietà per l’ammissione alla presente selezione, resa ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28/12/2000 n. 445, da redigersi e sottoscriversi da parte del legale rappresentante. Tale dichiarazione deve essere sottoscritta in ogni pagina dal legale rappresentante del soggetto concorrente o da un suo procuratore: in caso di sottoscrizione da parte di procuratore dovrà essere necessariamente allegata la procura speciale (in originale o in copia autenticata).

Alla domanda di partecipazione dovrà essere allegata pena l’esclusione:
– copia del documento d’identità del legale rappresentante in corso di validità.

Dovranno inoltre essere allegati:
– statuto e atto costitutivo dell’ente;
– organigramma completo da cui risulti in modo chiaro l’organizzazione complessiva attuale;
– breve descrizione delle attività svolte nell’ambito dei servizi di accoglienza, orientamento e accompagnamento degli utenti immigrati con indicazione della durata e dell’ente per il quale la stessa è stata svolta;
– curricula del personale che si intende impiegare per la realizzazione delle attività progettuali nel numero minimo sopra indicato (minimo 5 mediatori interculturali e minimo 2 operatori per attività di amministrazione e rendicontazione);
– preventivo di spesa e schede tecniche relative alle attrezzature informatiche richieste.